CESEC – CENTRO STUDI ED ESPERIENZE DI CONSAPEVOLEZZA

fotoAnche questo articolo è stato pubblicato dal CESEC, in riferimento alla mia ARTE ENOICA:

Art’enoica

Dalla remArianna Greco.jpgota antichità il consumo del vino, specialmente quello rosso dal forte carattere antropomorfo, accompagna le vicende umane per la sua forza simbolica, aggregante, mistica e festosa. Non casualmente definito Nettare di Bacco, Viene da sempre considerato dono fra i più preziosi poiché concesso dagli dei, tant’è che è considerato bevanda rituale per eccellenza presso varie culture, ultima in ordine di tempo quella cristiana.

L’immagine Androgino che correda questo scritto ci è stata concessa dalla pittrice Arianna Greco, che vanta un curriculum artistico di tutto rispetto: sue opere sono esposte presso importanti musei, come il Museo di Pulcinella a Napoli, di cui Arianna Greco è Ambasciatrice, ma anche il noto Museo Piero Taruffi di Bagnoregio che proprio per il 2013 l’ha scelta come artista realizzatore dell’opera simbolo dei 25 anni di attività e del felice connubio tra vino e auto d’epoca. Nel 2012 le sue opere hanno fatto il giro d’Italia, dal Vinitaly a Firenze dove, in occasione del Wine Town la sua Personale è stata ospitata dall’Azienda Il Borro presso palazzo Salimbeni, insieme all’opera Il Bacco di Arianna entrata a far parte della collezione privata dello stilista Ferragamo.

Art’enoica. Tanti discorsi, nel corso dei secoli, son stati fatti attorno al vino; ha ispirato pensatori, poeti, filosofi, artisti, ha sedotto uomini e donne nelle sue varie fasi di vita e ancor prima della sua stessa vita! E quella dell’Arte Enoica è il risultato di una di queste tante seduzioni: è l’arte di dipingere utilizzando il vino ottenendo, sul supporto telato, sfumature cromatiche che vanno dal rosso porpora al rosso aranciato, dal giallo dorato al giallo ambrato, dal rosa tenue al color mattone.

I quadri di Arianna Greco nascono, oltre che grazie a Primitivo di Manduria o di Gioia del Colle, Barbera, Barolo, Dolcetto delle Langhe, Nero di Troia, Aglianico del Vulture, Negroamaro e fin’anche alla lucentezza di un bianco prodotto a Gioia del Colle, sotto la spinta di forti emozioni e per amore. Amore per un uomo che per caso, posto che il caso esista, ha incrociato la sua strada, deviandola e percorrendola insieme a lei.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in QUADRI DIPINTI AD OLIO e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...